food life photografy
La Melagranata

 

Sirene


Oggi è estate. Anzi veramente è cominciata, ufficialmente, ieri. Ma ieri era stranamente freddo, burrascoso: un tempo settembrino.
Vorrei raccontare storie gentili,oggi. Storie saline e solari, storie di salicornie e conchiglie di madreperla. Storie di gabbiani, stridenti di ebbra felicità. Storie di sirene dalle squame rilucenti e sguardi d’oceano profondo.
Ma lo sguardo che ho davanti è quello di una sirena ferita a morte, in un paese lontano. E che da lontano manda mute grida disperate, manda la richiesta di verità e giustizia. E’ lo sguardo di una ragazza iraniana di 16 anni, scesa in piazza a dire: vorrei un po’ di verità e trasparenza nel mio Paese.
E poi gli sguardi, un po’ vacui, di ragazze del nostro Paese, ferite da ideali piccini, da progetti di vita meschini – veline, meteorine, letterine – la cui aspirazione è fare immagine, mostrare il corpo (a uno, a molti), spegnere cervello e dignità. E gli sguardi, osceni e rapaci, di uomini potenti che giocano ad achiapparella: farfalle luccicanti a nascondere le pieghe crudeli di una vecchiaia laida, che non è operosa senectude, ma sordida senescenza, ebbra di potere.

[Leggi tutto]

Scritto da Patrizia il 22 giugno 2009 alle 08:29 / 0 Commenti / Link permanente