Tacchino arrosto, super – succoso e speziato al profumo di melagrana

Tacchino super-succoso e speziato al profumo di melagrana

(con la collaborazione di Nigella Lawson)


Vi ricordate questo? Vi avevo detto di averlo cucinato interpretando una ricetta di Nigella Lawson, vi ricordate? Vi avevo promesso allora che vi avrei postato la ricetta del tacchino natalizio.
La ricetta originale è qui, e io l’ ho utilizzata per cucinare il secondo piatto del Pranzo di Natale: certo, come al solito, l’ho variata un poco, profumandolo con la melagrana, che, si sa, mi piace tantissimo!
Il risultato è un tacchino davvero super-succoso, gradevolmente speziato, dalle carni morbide e succulente. Facile da cucinare, di grande effetto, è stato molto apprezzato, come piatto forte, al Pranzo di Natale dello scorso anno.
Accompagnatelo con patatine novelle rosolate e altre verdure a piacere spadellate.

Tacchino arrosto, super – succoso e speziato al profumo di melagrana. ( collaborazione di Nigella Lawson)

per 6-8 persone

Un tacchino di 3,5-4 Kg.
ca. 6 litri d’acqua
2 arance
150 g sale grosso o 250 g sale di Maldon
3 cucchiai di pepe nero
1 bouquet garni
1 stecca di cannella
1 cucchiaio di semi di cumino
4 chodi di garofano
4 bacche di anice stellato
2 cucchiai di pimento
2 cucchiai di semi di senape
200g di zucchero di canna
2 cipolle non pelate divise in quarti
1 pezzo di zenzero fresco, ca. 6 cm, tagliato a fette
4 cucchiaiate di sciroppo d’acero
4 cucchiaiate di miele

per la glassatura:
75 g di burro (o grasso d’oca se l’avete)
3+1 cucchiaiate di sciroppo d’acero
sale

per la salsa di accompagnamento:
2 melagrane

La sera precedente preparate in un catino ampio e profondo, che possa contenere il tacchino ed andare in frigo, il bagno profumato.
Versate l’acqua nel catino, spremetevi il succo delle arance tagliate in quarti e poi mettete anche le arance, quindi unite tutti gli altri ingredienti, mascolando bene per far sciogliere il sale, lo zucchero, lo sciroppo e il miele.
Pulite nbene il tacchino, poi adagiatelo nel bagno profumato, facendo attenzione che resti ben coperto d’acqua. Se necesario, aggiungerne un po’.
Mettete il catino in un posto molto freddo, in frigo o anche sul terrazzo, in serate fredde come quelle di questi giorni.
Il giorno successivo, tirate fuori il tacchino un’ora prima, circa, di metterlo in forno e mettetelo in una teglia capace e sufficientemente profonda da raccogliere il sugo.
Preparate la glassa sciogliendo in un pentolino il burro e 3 cucchiai di sciroppo d’acero.
Accendete il forno a 200°.
Appena il tacchino avrà ripreso il giusto tepore, cospargetelo con l’ultimo cucchiaio di sciroppo d’acero e qualche pizzico di sale.
Mettete il tacchino in forno, fatelo cuocere per circa 2 ore, spennellandolo spesso con la glassa.
Appena vi sembrerà cotto (praticate un taglietto nell’attaccatura della coscia, se uscirà un po’ di liquido chiaro, il tacchino sarà cotto, se invece il liquido è ancora rosato avrà bisogno di qualche minuto in più di cottura) sfornatelo.
Prelevate il tacchino, sgocciolandolo bene, e tenetelo in caldo.
Tagliate a metà le 2 melagrane, prelevatene i semi, mettetene da parte 1-2 cucchiai e schiacciate gli altri attraverso uno schiacciapatate, raccogliendone il succo.
Ponete la teglia con tutto il fondo di cottura sul fornello e aggiungete il succo delle melagrane i semi.
Fate restringere per qualche minuto e portate in tavola il tacchino, accompagnandolo con la salsa.
Buon Appetito e Buon Natale!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *