La Melagranata

 

Fagottini di sarde a beccafico take away

Questa ricetta, assolutamente banale nella sua semplicità, mi è venuta in mente, di ritorno dalla Sicilia, per conservare profumi e sapori di quella terra e perchè non si riesce quasi mai a trovare il pesce in un piatto da picnic, o comunque da “portar via”, a meno che non sia stravolto in qualche terrina, declinato in una delle tante quiche o che sia l’eterno tonno sott’olio.
Così invece mi pare che il sapore, la consistenza e la fragranza delle sarde vengano mantenuti.
Mi paiono discreti anche come finger food.

Fagottini di Sarde a beccafico take away.

400g sarde fresche
40g uva passa
40 g pinoli
½ cucchiaino di zucchero
Un ciuffo di finocchietto selvatico (o menta fresca)
1 cucchiaio d’olio e.v.o.
Succo e buccia di 1 arancia
½ bustina di zafferano
Sale, pepe.
Per la pasta:
400 g farina
2 cucchiai d’olio evo
acqua tiepida q.b.
Sale
E poi
1uovo per spennellare
Semi di sesamo o papavero (se piacciono)
Fior di sale(se lo avete, all’arancia)

Mettere l’uvetta ad ammorbidire nel succo d’arancia
Impastare la farina con l’olio, il sale e acqua quanto basta a formare un impasto liscio ed elastico. Far riposare 15 min. sotto una pentola rovesciata, calda e asciutta. Questo aumenterà l’elasticità dell’impasto.
Pulire e diliscare le sarde, facendo attenzione che i due filetti non si dividano. Stenderle sul tagliere.
In una padella antiaderente tostare con attenzione il pangrattato.
Versarlo in una capace terrina.
Unire i pinoli, l’uvetta strizzata (conservatene il succo) , il finocchietto (o menta) tritato, lo zucchero, l’olio evo, la buccia d’arancia.
Sciogliere lo zafferano nel succo d’arancia, mescolare bene e aggiungere al ripieno.
Regolare di sale e di pepe.
Impastare bene il ripieno. Metterne un mucchietto su ogni sarda. Arrotolare il pesce, facendo attenzione che nulla fuoriesca.
Stendere ora la pasta sottile, tagliarla in rettangoli di misura proporzionata alle vostre sarde.
Impacchettare ogni rotolino di pesce, dando forma di bauletti (o a piacere di caramelle), chiudendo bene ai lati affinché il ripieno rimanga ben sigillato.
Spennellare i bauletti così preparati con uovo battuto e, se piace, spolverare con semini di sesamo (o papavero).
Infornare a 180°-200° per ca. 35 min, fino a doratura della pasta.
Appena sfornati, possono essere decorati con poco fior di sale (nella foto ho usato quello aromatizzato all’arancia )

 

 

1 Commento

1 ettore 15 maggio 2011 alle 10:54

bellissima!! già rubata. Solo ho sostituito le sarde con le acciughe. Ciao

Lascia un commento