Le stecche senza impasto

Le stecche senza impasto

stecche

Volevo fare questo pane da molto tempo, da quando l’avevo visto, la prima volta, sul blog di Sara.
L’ho visto passare poi in vari blog e certo lo conoscerete già anche voi. Ma ve lo ripropongo, hai visto mai vi sia sfuggito, o ve lo siate dimenticato. Se è così, fatelo subito. Comodo a prepararsi: versate in un contenitore quattro ingredienti, mentre ascoltate il telegiornale della sera, girate un po’ l’impasto e lo abbandonate lì al suo destino per tutta la notte; al mattino lo riprendete, lo scuotete un po’ e lo lasciate ancora ad aspettarvi, mentre fate la doccia, vi prendete il caffè, telefonate alla mamma per darle il buongiorno; ritornate lì da lui, lo tagliate in quattro, lo stiracchiate un po’ e lo ficcate nel forno caldo. E lui si tramuta in un pane profumato, croccante, delizioso.
Che volete di più dalla vita? (no, non rispondete a questa domanda, vi prego!)

Le stecche senza impasto.

per 4 stecche

farina forte 455 gr.
acqua fredda (12-18 gradiC) 350 gr.
sale 3 gr.
zucchero 3 gr.
lievito secco 1 gr.
olio di oliva, sale grosso, farina o crusca per spolverare

In una ciotola, mescolate farina, sale, zucchero e lievito. Unite l’acqua e mescolate, per non più di un minuto, con la mano o con un cucchiaio di legno finche’ gli ingredienti sono appena amalgamati e formate una palla umida e appiccicosa. Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente finche’ l’impasto e’ raddoppiato e la superficie e’ coperta di bolle (12 – 18 ore circa).
Spolverate abbondantemente di farina la superficie di lavoro. Rovesciatevi sopra l’impasto, piegatelo su se stesso un paio di volte, poi formate una palla un po’ appiattita, tenendo la piega sotto.
Mettete uno strofinaccio sul ripiano, cospargetelo di crusca o farina e posate sopra la pagnotta. Spennellate la superficie di olio di oliva e cospargetela di sale grosso. Se l’impasto e’ appiccicoso, spolveratelo ancora con un po’ di farina o crusca.
Richiudete sopra di esso il panno e lasciatelo lievitare ancora per una o due ore. Dovra’ circa raddoppiare. L’impasto e’ pronto quando, affondando un dito, mantiene l’impronta senza ritornare indietro.
Circa mezz’ora prima della fine della seconda lievitazione, scaldate il forno a 250. Rifasciate di carta forno una teglia di circa 30×45. Dividete l’impasto in 4 parti, e con delicatezza allungate ogni pezzo formando una stecca della lunghezza della teglia. Disponete le stecche parallelamente, distanziandole circa 1.5 cm l’una dall’altra. Spennellatele di olio e cospargetele ancora con del sale grosso.
Cuocete nel forno caldo per 15-25 minuti, finche’ la crosta e’ dorata. Fate riposare le stecche nella teglia ancora per 5 minuti, poi farle raffreddare completamente su una grata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *