Corona di riso con trevisana, melanzane e polpettine di agnello alla menta

Pasqua


Come mi piace andare a sfogliare le vecchie riviste di cucina! Ne ho una quantità pazzesca. Vi basti sapere che ho tutti i numeri degli ultimi dodici- quattordici anni delle quattro ( poi sei) più diffuse. Una valanga di ricette, foto, consigli, trucchi, che ci raccontano per come eravamo e per come siamo cambiati, in questi anni, a tavola.
Ieri mattina, con le figlie impegnate, una come segretaria di seggio elettorale (a proposito, avete votato? Beh, fatelo, avete ancora un po’ di tempo!) e l’altra in gita con gli amici, mi sono divertita a rispolverare una ricetta trovata su A tavola del 1999, un piatto che avevo già fatto alcune volte e che ci era piaciuto moltissimo. Chissà se piacerà anche a voi? La preparazione è un po’ lunga ed elaborata, ma è un piatto pasquale, un trionfo di sapori e profumi. Ne vale la pena!

Corona di riso con trevisana, melanzane e polpettine di agnello alla menta.


Ingredienti per 8 persone:

400g riso Carnaroli
1 cipollotto
60g di burro
1 bicchiere di vino bianco secco
2 bustine di zafferano
1l. circa di brodo
50g di parmigiano reggiano
2 melanzane (1/2 servirà per le polpettine)
2 cespi di radicchio tardivo di treviso
olio e.v.o.
sale

per le polpettine:
250g polpa di agnello tritata
1 tuorlo
1 scalogno tritato finemente
coriandolo in polvere, 1 pizzico
cumino in polvere, 1 pizzico
peperoncino in polvere, 1 pizzico
80g di pangrattato
olio e.v.o.
1 mazzetto di menta
sale e pepe

Tagliate a metà una melanzana nel senso della lunghezza, mettetene una parte su una piccola teglia, copritela con un foglio di alluminio e mettetela in forno a 180° per circa 20′.
Quando è tenera toglietela dal forno e lasciatela raffreddare.
Tagliate a cubetti la melanzana intera e la metà rimasta e friggetele in poco olio. Appena saranno ben dorate, scolatele e lasciatele riposare su carta da cucina.

Preparate le polpettine: con un cucchiaio raccogliete la polpa della melanzana cotta al forno ( non buttate la buccia…io l’ho divisa a metà per il lungo e l’ho usata per decorare) e frullatela. Riunitela con la carne d’agnello, le spezie, il tuorlo, lo scalogno tritato , 40g di pangrattato, foglie di menta tritate, sale e pepe. Impastate bene, formate delle piccole polpette, passatele nel restante pangrattato e fatele rosolare appena in padella con poco olio. Scolatele e fatele riposare su carta da cucina.
Tagliate a striscioline un cespo di radicchio, lavatelo, sgocciolatelo. Imburrate uno stampo ad anello, rivestitelo con alcune foglie dell’altro cespo di radicchio, precedentemente sbollentate in acqua bollente salata: io le ho alternate con le bucce della melanzana.

Preparate il risotto: Fate appassire il cipollotto tritato con 40g di burro, unite il riso, fatelo tostare, sfumate con il vino bianco e procedete nella cottura, aggiungendo brodo bollente.
A metà cottura unire lo zafferano sciolto in poco brodo e il radicchio preparato. A cottura ultimata, ma molto al dente, unite il Parmigiano e le melanzane fritte. Mescolate e versate il risotto nello stampo. Copritelo con un foglio di alluminio unto di burro.
Lavate le foglie di radicchio rimate, stendetele su una teglia rivestita di carta forno, irroratele con un filo d’olio e salatele. Appoggiatevi sopra le polpettine preparate.
Infornate in forno ben caldo, a 180°, lo stampo con il riso, che dovrà cuocere per 20minuti.
Dopo 10 minuti dall’entrata del riso in forno, infornate anche le polpettine.
Rovesciate la corona di riso in un largo piatto, disponete al centro il radicchio con le polpettine, decorate con foglioline di menta e servite.

Fatene pure una dose generosa, i vostri ospiti apprezzeranno! E se ve ne avanza un poco, meglio!
Riproponetelo per il picnic del Lunedi, come crocchette saporite ed incredibilmente profumate.
Unite semplicemente un uovo intero e un po’ di parigiano. Formate delle grosse crocchette e friggetele in olio bollente, dorando bene la superficie. Per le polpettine: ripassatele semplicemente nel pangrattato e friggetele solo un minuto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *