5

Torta rustica di mele con uvetta, di Samantha

Schiarite.

 

Questa notte si è riscatenato un diluvio senza fine. I lampi violentissimi sembravano fari accecanti, i tuoni facevano abbaiare Tilly, sobbalzare la Fotografa, la gattina cercava riparo sotto divani o poltrone… la Perla ed io ci siamo incontrate davanti alle finestre, in una scena da brivido: la città illuminata dai lampi e squassata dal nubifragio sembrava piccola e rannicchiata, ferita, esausta. 
Ora la pioggia si è fermata: ci sono deboli schiarite, all’orizzonte; si contano, nuovamente, i danni. A pochi passi da casa mia, un grande antico cedro del Libano ha ceduto e si è schiantato sul chiosco del fioraio di quartiere, sfiorando l’edicola di giornali, che si erge lì accanto. E’ accaduto all’alba, quando, per fortuna, la piazza era deserta! Nei quartieri nuovamente colpiti, l’acqua e il fango hanno ricoperto nuovamente strade e piazze. 
Ora che la pioggia si è fermata, la Perla e la Fotografa si stanno preparando per uscire ancora, insieme alle centinaia di ragazzi, genovesi e non, che da giorni lavorano alacremente per ripulire la città. Sono meravigliosi, davvero la meglio gioventù, sono tanti, volenterosi, instancabili: spalano, svuotano cantine, puliscono arredi, riordinano negozi, e sorridono. Ridanno coraggio e conforto.
La solidarietà a Genova si diffonde:  vengono donati arredi e cucine per chi ha perso tutto in casa, da parte di grandi aziende o enti del territorio, giungono mezzi e uomini da altre regioni e dall’estero, arrivano donazioni.

E da voi, arrivano, con una generosità e una passione davvero emozionante, partecipazione, ricette, parole d’affetto. Sapori, colori, versi di poesie che vanno a consolare, un poco, la situazione dei piccoli delle case-famiglia.
Aggiorno costantemente la lista delle vostre partecipazioni, che si va allungando velocemente, con tantissime buone ricette!
Da parte di Dario e Romina del blog l’Abbuffone, insieme ad una buonissima ricetta per la nostra raccolta, l’appello per una loro iniziativa di solidarietà  per aiutare il Ristorante La Lampara, di Monterosso, completamente distrutto nella recente alluvione delle Cinque Terre.

Per la nostra raccolta, ecco il contributo , profumato di buono, di Samantha, che ci scrive:  

è una ricetta semplice, ma appena penso a questa torta, penso alla mia famiglia e alla mia casa…

Torta rustica di mele con uvetta (trovata sul sito Giallozafferano ma con  qualche modifica)

 

Ingredienti:

 100gr di burro (o olio di semi)
200gr di farina
200 gr di zucchero
200 ml di latte
2 uova
700 gr mele
2 manciate di uvetta sultanina
1 bustina di lievito in polvere
scorza e succo di 1 limone
1 pizzico di sale
1 bustina vanillina
1 cucchiaino di cannella

 Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili; metterle in una ciotola con  il succo di limone (prima grattuggiarne la buccia e tenerla da parte) Ammollare l’uvetta in una tazza con acqua calda  Sbattere insieme le uova con lo zucchero ed aggiungere poi il burro fuso raffreddato (o l’olio). Unire poi la scorza di limone, la cannella, il latte, lievito, la vanillina, il pizzico di sale e infine la farina setacciata. Aggiungere ora le mele sgocciolate, strizzare le uvette e aggiungerne metà all’impasto.Imburrare ed infarinare una tortiera (circa 25 cm di diametro) e versare il composto. Aggiungere sulla superficie il resto delle uvette. Infornare a 180° per circa 50 minuti (fare prova stecchino).Servire spolverizzata di zucchero a velo.

Comments 5

  1. marjlou

    mi vien da piangere a vedere una delle più belle città del mondo distrutta così….mi sarebbe piaciuto venire a lavorare con le mani, ma la distanza me lo impedisce, so che un sms e una ricetta non basteranno, ma di più non riesco….spero che il peggio sia passato e che nessuno più debba morire per la pioggia…..
    vi abbraccio tutti!

  2. Pingback: Una ricetta per i bambini di Rocchetta Vara. La Melagranata

  3. Patrizia Post
    Author
    Patrizia

    @Rosanna: Si cara, ti ho risposto.. 😀 Baci
    @Symposion: Ciao Giò! Grazie, un abbraccio grande a te !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *