La Melagranata

 

A’ la Grecque comme à la Grecque.

Si lo so, sono invidiosa marcia! Io me ne sto qui, in città, a lottare contro la quotidianità, e lei parte! Se ne va a Rodi, lei. Che io manco me la ricordo bene, che ci sono stata da ragazzina (quindi un paio di secoli fa) e ho negli occhi solo case bianche e sfondi blu di cielo e di mare.
Va a Rodi e parla di costumi e di parei, di sandali e di creme solari. E so già che tornerà raccontando di ouzo e tzatziki, di retsina e moussaka…e io sarò piena d’invidia, un’altra volta!
Sapete che vi dico? No, non parto anche io…magari! No, mi creo un po’ di atmosfera greca qui a casa mia. Metto su un disco di sirtaki, (si ho un disco, cioè un LP, con tutti i suoi – adorabili – fruscii: allora i cd non esistevano) e vado a cucinarmi … che mi cucino? Melanzane, menta e yogurt: questi ce l’ho!
Ecco qui. Continuo a morire d’invidia, questo è certo. Ma un po’ di profumo estivo e vacanziero l’ho portato nella mia cucina.

Buon viaggio, Caterina, divertiti tantissimo, abbronzati, rilassati e…
Opa!  

Cake di melanzane “à la grecque”.

1 melanzana
1 vasetto di yogurt da 125 g
1 cucchiaio di foglie di menta tagliuzzate
180 g di farina
3 uova
80g di parmigiano reggiano
1 spicchio d’aglio
2 cucchiaiate d’olio e.v. + 1 cucchiaio
1/2 bustina di lievito per torte salate
sale

Tagliate la melanzana a fette, poi a dadi. In una larga padella fate scaldare bene una cucchiaiata d’olio e.v. e dorate lo spicchio d’aglio. Unite i dadi di melanzana e rosolateli: dapprima tenderanno ad assorbire l’olio, poi lo rilasceranno e rosoleranno uniformemente. Lasciate dorare, poi spegnete e fate raffreddare.
In una ciotola, sgusciate le uova, unite il parmigiano, il sale, la menta, lo yogurt tiepido in cui avrete sciolto il lievito, l’olio rimasto (2 cucchiaiate). Unite la farina e mescolate bene.
Versare in uno stampo da plumcake antiaderente (o rifasciato con carta forno) ed infornare a 180° per circa 45 minuti.

p.s. Secondo me ci starebbe benissimo anche l’aggiunta nell’impasto di un bicchierino di ouzo. Se invece volete, potete unire qualche dadino di feta. Fate un po’ voi, a me, lo sapete, il formaggio proprio…..

17 commenti

1 lydia 28 aprile 2011 alle 08:35

mi piace molto

2 elifla 28 aprile 2011 alle 08:37

Ho tutti gli ingredienti e grazie a te ho anche lo stampino uguale in legno!!! :D ….copio e incollo subitooooooo….buona giornata, Fla

3 Giulia 28 aprile 2011 alle 08:42

Patri, è quello che chiamo un’approccio creativo! Faccio sempre anch’io così quando non posso partire…
IL cake deve essere fantastico!
Un bacione
p.s. come stai?.. l’influenza è passata?

4 lydia 28 aprile 2011 alle 09:36

Patrizia, scusami non è che potresti darmi le dimensioni dello stampo?
Sto pensando di prepararlo per il picnic del primo maggio

5 Patrizia 28 aprile 2011 alle 12:34

Lydia: Grazie!
Eli/Fla: :) )
Giulia: Eh, se Maometto…ecc,ecc! Influenza in calo , ma ci complichiamo la vita in altri modi!!
Lydia: Lo stampo è da 25 cm, “per pani da 700-1000g”

6 sergio 28 aprile 2011 alle 15:11

Carissimo/a
Sto aggiornando l’elenco dei food blog italiani
Mi piacerebbe sapere:
In che anno hai aperto il blog
Possibilmente la tua città e provincia.

Grazie
Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html

sergio.

7 maria 28 aprile 2011 alle 16:47

Patty…..:)

8 Rosella 28 aprile 2011 alle 19:32

Hai presente la storia della volpe ( io) e dell’uva ( la Grecia)? Beh, la cucina greca non è più quella di una volta….ma tante altre cose sì! Sob.
Ouzo no, ma qualche bel dadino di feta…Un abbraccio. Rosella

9 veru 29 aprile 2011 alle 08:30

Uh, io non amo le melanzane ma a casa mia le divorano e devo cercare di inventarmi qualcosa per evitare di prepararle sempre allo stesso modo. Te la copio pensando alla Grecia :D

10 Patrizia 29 aprile 2011 alle 08:51

Sergio: fatto!
Maria: ;)
Rosella: Niente feta, per me! Ma un viaggetto in Grecia….Rosella ne avrei una voglia! La cucina greca non sarà più quella di una volta, ma….moussaka, dolmades, quei pesci freschissimi, verdura croccante…..
Veru: Copia copia…questo del cake, tra l’altro, è un metodo infallibile per riciclare allegramente qualche resto languoroso dimenticato un po’ troppo a lungo in frigo!

11 Symposion 29 aprile 2011 alle 19:47

davvero buono per partire :)
mi piace molto! buon we

ps bello il nuovo header !

12 marty 30 aprile 2011 alle 13:08

complimenti veramente per il blog..mi sono aggiunta ai tuoi follower…se ti va passa da me…ciao

13 acquaviva 30 aprile 2011 alle 18:48

accidenti, nel mio blogroll risulti ferma ancora al post dei maritozzi, guarda invece cosa mi sono persa nel frattempo!
La foto delle partigiane con la sfoglia e i fucili mi ha impressionato tantissimo. Credo non ci sia nemmeno bisogno di commentare…
Un abbraccio
A

14 Patrizia 30 aprile 2011 alle 21:24

Marty: Grazie,benvenuta! Passo certamente a trovarti!
Acquaviva: Uff, ma davvero?Allora succederà così a tutti, mi sa! Forse si dovrà rimettere il link al blog? Il nome è però rimasto lo stesso..mah! Fammi sapere se ci sei riuscita! Baci!

15 Mariangela 04 maggio 2011 alle 19:23

Domani compro lo yogurt e sperimento!!!

Ciao Pat come stai?????

16 Patrizia 04 maggio 2011 alle 21:22

Mariangela: Ciao bionda!! Prova e fammi sapere! io…benissimo! :) ) e tu, cara? Quando ti vedo su da queste parti?

17 Angela 09 maggio 2011 alle 11:08

woooow e questa il mio forno non vede l’ora di provarla… e pure io ^_^

Lascia un commento