2

la focaccia barese di Ciro

Le Olimpiadi di Londra e la Focaccia Barese di Ciro.

 

Luci, suoni e musica, esaltazione della gioventù e celebrazione dell’esperienza e della tradizione.
Ieri sera si sono aperti i Giochi Olimpici Estivi di Londra e oggi sarà certo tutto uno scriverne (bene o male che importa? Basta sfoggiare lingua tagliente e capacità celebrativa – dei Giochi o di se stessi, è uguale!)
Si sono aperti i Giochi e si è celebrata l’Inghilterra: si è parlato – meglio si è ballato, cantato e recitato – di radici, di cambiamenti epocali, di Rivoluzione Industriale e Servizio Sanitario Nazionale , di suffragette e di fiabe di mostri e fantasmi, del dopoguerra, di multiculturalismo, di giovani… stile molto inglese, eleganza, qualche dimenticanza, più o meno casuale.
Senz’altro emozionante e bella la sfilata dei Paesi ospiti, con i loro allegri scanzonati campioni che indossavano le eleganti divise o i costumi nazionali. Un piacere vedere tantissime donne, anche quelle, velate ma finalmente presenti, dei paesi arabi integralisti.
Pensavamo, osservando la sfilata,  a quanti lutti, tragedie e guerre abbiano toccato quasi tutti i Paesi: guerre attuali e lontane, tragedie antiche, di cui ancora il mondo porta i segni, e ferite atroci, ancora aperte.
Bello veder sfilare Israele e Palestina, terribile pensare alla Siria, lacerata a una guerra ipocritamente ignorata, e poi il Sudan o  la Birmania, il Kenia e il Pakistan… continuate voi.
Perché devo sempre sentirmi imbarazzata, quando sfila l’Italia? Bellissimi e allegri, ridenti e gioiosi i nostri atleti, orgoglio della Nazione hanno sfilato ieri dietro alla nostra bandiera, muniti di telefonini e fotocamere…e di un paio di cartelli con scritto “Mamma sono qui!” “***, papà è qui!!”.  Mancava il mandolino, gli spaghetti e la tovaglia a quadri! Che imbarazzo e che tristezza! Ma si pensavano teneri o spiritosi?
Hey Jude è una perla antica e luminosa: è stata la colonna sonora delle nostre feste di adolescenti, dei nostri primi baci, dei nostri pomeriggi malinconici e Paul McCartney è un mito universale, ma che tristezza che non abbia saputo accettare il passare degli anni, le rughe e i capelli bianchi!
Una soddisfazione personale: l’accredito negato al presidente Bielorusso Lukashenko (quello che un nostro ministro non sapeva chi fosse!): l’ultimo dittatore d’Europa non è gradito ai Giochi Olimpici. E meno male!

Per la ricca tavola salentina dell’Abbecedario Culinario d’ Italia, guidato dalla nostra Aiuolik, un amico ha portato un piatto meraviglioso: la focaccia barese.
Una focaccia da medaglia d’oro alle olimpiadi di bontà,  che Ciro ci ha fatto assaggiare, qualche anno fa, in occasione del Raduno della Cucina Italiana a Siena!
Eccola tutta per voi: perfetta per le serate estive, per uno spuntino o una merenda golosa!

 

La focaccia barese  di Ciro

1 kg di farina
20 gr olio
30 gr lievito di birra
20 gr sale
70 gr patata bollita
½ litro acqua
Pelati ed olive

Versare in una ciotola un pochino di acqua tiepida, aggiungere il lievito e far sciogliere per bene, poi versare la farina, il sale e pian piano tutta l’acqua fino ad ottenere un impasto molto morbido (tipo polenta). Ora continuare ad impastare aggiungendo l’olio e la patata bollita e schiacciata ben bene. Far lievitare per circa 1 ora (dipende dalla temperatura esterna). Sistemare l’impasto nelle teglie abbondantemente unte di olio (l’impasto deve essere sistemato il più sottile possibile). Condire con pelati e olio (oppure condimenti a piacere o magari anche senza niente). Far lievitare nelle teglie ulteriormente. Infornare a forno già caldo a 180° gradi.

N.B. nel caso ½ litro di acqua non bastasse per far diventare l’impasto molle aggiungerne ancora fino ad ottenere un impasto tipo polenta

Comments 2

  1. Barbara

    condivido l’imbarazzo….per millemila motivi non solo per la completa assenza di dignità della maggioranza della popolazione italiana e quindi anche dei suoi atleti, che spicca in ogni occasione.
    ma confido anche che sia un atteggiamento in divenire e che granellino per granellino si possa modificare, piano piano.

    la focaccia è splendida e perfetta davvero, così com’è. grazie 🙂

  2. Patrizia Post
    Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *