3

Tagliatelline alle rose con mandorle e timo.

Petali profumati… e golosi!

 

 

Chi mi legge di là, sa che negli ultimi giorni sono stata sommersa da … un carico di rose. Qui a Genova, in maggio, le case profumano di rosoli e bon bon: la tradizione dello sciroppo di rose, rimedio contro tutti i mali, influenze e depressioni, tosse o malumore,  raffreddori o liti col vicino, è storia. Spesso è mia mamma che prepara per tutti questo nettare un po’ alchimistico, quest’anno l’ho fatto io, con la complicità della mia amica Cinzia, che mi ha fatto arrivare la materia prima: una vagonata di rose Gallica officinalis. Chili e chili di petali profumatissimi, che nello scorso week end sono stati uniti a zucchero, acqua e qualche segreto, per diventare….marmellate, sciroppi, e…
queste tagliatelle, profumate e niente affatto dolci o stucchevoli!
Si preparano in fretta, fanno una discreta figura, profumano e sono molto delicate e gustose.
Noi le abbiamo condite con burro nocciola,  mandorle e timo. Una delizia!

per le altre preparazioni… tornate a trovarmi!

Tagliatelline alle rose con mandorle e timo.

 

farina 250 g
uova 2
petali di rosa, 70g
mandorle, 70 g
timo, un cucchiaio di petali e qualche ciuffo per la decorazione
burro, qb
sale

 

Mettere a bagno i petali di rosa in poca acqua fredda per 5 minuti.
Fate la fontana con la farina sulla tavola infarinata. Sgusciate al centro le uova, unite i petali strizzati e mescolate con una forchetta. Pian piano, impastate il tutto, procedendo con le mani. Tirate la sfoglia, a mano o con la macchinetta, fino a raggiungere lo spessore desiderato  (di solito, la tiro a mano. Quando uso la sfogliatrice, però, non arrivo mai all’ultimo foro, perché mi piace abbastanza consistente!)
Arrotolate la sfoglia e tagliate, con un coltello affilato, dello spessore desiderato.
Lasciar riposare sotto un telo ben pulito.
Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua e appena raggiunta l’ebollizione, calate le tagliatelline:
In una larga padella, fate brunire una bella noce di burro, unite le mandorle, tritate a coltello.
Scolate la pasta,  unite in padella le foglioline del timo, unite le tagliatelline e spadellate per condirle bene.
Impiattate, decorando con un rametto di timo e qualche petalo di rosa.

 

Comments 3

  1. arabafelice

    Che invidia, Patrizia!!!
    Come mi piacerebbero queste rose…e soprattutto poterci cucinare come hai fatto tu.
    Questo piatto, poi, è splendido!

  2. Patrizia Post
    Author
    Patrizia

    @arabafelice: Ciao Stefania! Capisco che con il clima in cui vivi sia difficile … che fiori hai nel tuo – invidiatissimo – giardino? Però pensa che noi ti invidiamo…gli stampi a forma di cammello, i blitz a Dubai, l’abbronzatura perenne (perché tu sei sempre abbronzata, no???), le spezie (tipo il vero Summaq ), quel contenitore in argento? peltro? traforato a cammellini che mi fa impazzire, ecc ecc….
    Ti mando un po’ di petali di rose secchi? Non è proprio lo stesso…ma se po’ fa’ :D:D:D

  3. Silvia

    Non posso credere che si possa pensare di creare un piatto così bello!!! Sarei curiosa di assaggiare anche la marmellata, però!!!
    Grazie per aver donato questo piatto alla mia raccolta!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *