8

Budini di polenta con faraona al rosmarino e crema piccante ai cannellini

Fa freddo? E io cucino la polenta!

 

 

Siamo ormai al panico puro. In tv l’emergenza neve è la notizia d’apertura: che c’importa di spread o di stragi in Siria? Noi c’abbiamo la neve, ma vi rendete conto?
Ieri sera in tv, praticamente a reti unificate, proponevano una veglia: in attesa della bufera! Giuro, era questo uno dei titoli, con tanto di punto esclamativo. Non ho idea di quale plastico sia stato poi esposto nello studio televisivo del Vespa nazionale: forse quello dell’omino di neve?
Io mi son salvata guardando un film con Meryl Streep,  accoccolandomi nel lettone accanto alla fotografa, che ha un febbrone da tre giorni.
A Genova, dove non è prevista neve, il cielo è blu da giorni e le temperature son tornate decisamente sopra lo zero, nei supermercati è caccia grossa: si spazzolano via financo le uova di quaglia, l’ultima scatoletta di conserva di lychees, la scatola di germogli di soja… hai visto mai scoppiasse la guerra, va! I banchi sono vuoti: è ufficiale, la gente è impazzita!

E io cucino la polenta. E’ un riflesso condizionato: se sento parlare di neve, mi vien voglia di preparare la polenta. E le zuppe o le vellutate. Siete avvertiti! Se durerà ancora molto il tempo invernale (!), su queste pagine vedrete poco altro, oltre a zuppe e polenta! Forse qualche dolce, per tirarmi su di morale!
Oggi proprio di polenta, vi parlo. Niente di speciale, in realtà: è polenta con lo spezzatino, ma presentata così ci fa sentire cuoche figherrime. Stampini, meglio in silicone, si fa prima a sformare. Faraona, che mi piace molto, ma va bene qualsiasi cosa, della cacciagione sarebbe perfetta, ad es. Un pizzico di piccante, che dà colore e allegria!

Ho una pila di libri nuovi, di cucina e non, il lavoro a maglia, due o tre cose da cucire e una montagna di roba da stirare.
In attesa della bufera, non mi annoierò!

 

Budini di polenta con faraona al rosmarino su crema piccante di cannellini .

 

polenta:
200g di farina bramata di mais
1l acqua
sale
olio evo, 1 cucchiaio

faraona:
1 faraona
Farina, 1 cucchiaiata
vino bianco, 1 bicchiere
scalogni, 2
rosmarino fresco, un bel ciuffo
brodo vegetale, 1/2 l circa
olio evo
Sale, pepe

salsa ai cannellini:
fagioli cannellini secchi, 100 g. (0 una scatola di fagioli prelessati)
250g di pancetta in una sola fetta
rosmarino
aglio, 1 spicchio
peperoncini rossi piccanti, 2 + qualcuno per la decorazione
olio evo

Preparare una polenta, versando la farina di mais in acqua calda, ma non in bollore, appena salata ed addizionata di un cucchiaio d’olio. Mescolate bene e lasciate cuocere a fuoco medio per circa 40 minuti;  ora avete due possibilità, o mescolate in continuazione, o non toccate più la preparazione (la crosticina che si formerà sul fondo e sui lati della pentola, si staccherà da sola, se avrete l’accortezza di lasciare poi la pentola nell’acqua per qualche ora).
Versarla negli stampini scelti, ben unti d’olio, e lasciar raffreddare, coperti da un  foglio di carta forno.
Pulire la faraona, eliminare la pelle e disossarla (se preferite, fatela disossare dal vostro macellaio). Mettete da parte la carcassa, con cui potrete poi provvedere a preparare un fondo, da conservare in congelatore per altre necessità.
Tagliare la faraona in piccoli pezzi. In una larga casseruola, scaldare due cucchiai d’olio e far rosolare 2 scalogni interi. Unire la carne di faraona e rosolare bene. Cospargere con un cucchiaio di farina, mescolare e bagnare con il vino bianco. Lasciar cuocere per circa 25 minuti, aggiungendo una tazza di brodo caldo, e via via aggiungendo se necessario per ottenere una salsina morbida. Qualche minuto prima di spegnere, eliminare gli scalogni e unire un trito fine di rosmarino. Mescolare e tenere in caldo.
Cuocere i cannellini, tenuti in ammollo in acqua fredda per almeno 8 ore, partendo da acqua fredda, per circa 80 minuti. (o utilizzare fagioli cannellini prelessati)
In una padella far rosolare piano, senza aggiungere grassi, la pancetta a cubetti,. Eliminare il grasso della pancetta con un foglio di carta casa e unire un cucchiaio d’olio, un ciuffo di rosmarino e uno spicchio d’aglio e, se vi piace piccante, un paio di  peperoncini rossi,  Aggiungere i cannellini scolati e fare insaporire.
Eliminare l’aglio e il rosmarino e tenere da parte un paio di cucchiai di preparazione.  Riunire il resto nel bicchiere del mixer con un ciuffo di rosmarino, sale e pepe  e frullare bene, unendo un paio di cucchiai d’olio evo, come per una maionese.
Sformare i budini di polenta e passarli sotto il grill caldo del forno, per riportarli a calore.
Impiattare, disponendo un poco di salsa ai cannellini al centro dei piatti: posizionare i budini di polenta caldi, versare sopra la faraona al rosmarino e decorare con i fagioli alla pancetta tenuti da parte e qualche peperoncino rosso.

Comments 8

  1. maria

    Ecco un piatto che mi fa venire l’acquolina in bocca…….e complimenti per la foto, rende da Dio!!

  2. ettore

    Bellissimo!!! Ieri sera ho preparato coniglio al vino e coscette di pollo al rosmarino (!!) A Simonetta che per sms mi chiedeva ho risposto in francese (lapin..) ed ho precisato che, essendo io Poeta, l’abbinamento era dovuto esclusivamente alla rima ( da ” la poesia in cucina” di EZ di futura uscita) La ricetta a te è superfluo dirla, falle come sai, io a fine cottura però aggiungo una generosa grattuggiata di zenzero fresco, a presto ciao

  3. emanuela

    Si effettivamente in TV si esagera per tutto! mah!
    Che bella questa polentina! Gustosissima! 🙂
    bacioni!

  4. Aiuolik

    Ti ho aggiunta nell’abbecedario!!! Se ti va, faresti un post in cui parli dell’iniziativa? In ogni caso, non perderti il post di apertura di domani da Gata!

  5. Patrizia Post
    Author
    Patrizia

    @Maria:Ciao stella, grazie!
    @Ettore: CHe piatto profumato e invitante il tuo Ettore!
    @Carla Emilia: Grazie!
    @Giò: Come va, lì da voi?Qui sempre freddo, ma un bel sole!
    @Nicoleta: Grazie, buona settimana a te!
    @Emanuela: Grazie cara!!
    @Aiuolik: Visto! Tutto fatto! Ora vado da Gata! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *