4

25 Aprile 1945- 25 Aprile 2012

25 Aprile 1945 – 25 Aprile 2012: Resistenza !

 

 

 

Come e perché resistere oggi

 

Il ricordo della Resistenza, il suo valore altissimo, la forza del suo insegnamento sono le radici profonde del mio Paese,  della mia vita e sono quelle su cui ho cercato di far crescere la mia famiglia.
Vi lascio oggi un video bellissimo che è stato voluto e creato dalla Perla.

(non so se riuscite a vederlo, al link più sopra…altrimenti lo trovate qui
http://www.facebook.com/photo.php?v=10150811608426276)

Il primo brano musicale che accompagna le immagini è una musica gitana, a ricordo della persecuzione e dello sterminio di tanti zingari, durante il nazi-fascismo.
Il secondo brano musicale, l’avrete riconosciuto senz’altro, è I cento passi, la colonna sonora del bel film di Marco Tullio Giordana, sulla vita e l’omicidio di Peppino Impastato, che resistette alla mafia, e la combatté, con coraggio e sacrificio.

Questa la lettera di un giovanissimo partigiano, Giacomo Ulivi, diciottenne, torturato e poi ucciso dai fascisti in Piazza Grande, a Modena.

Cari amici, vi vorrei confessare innanzi tutto, che tre volte ho strappato e scritto questa lettera. L’avevo iniziata con uno sguardo in giro, con un sincero rimpianto per le rovine che ci circondano, ma, nel passare da questo argomento di cui desidero parlarvi, temevo di apparire “falso”, di inzuccherare con un patetico preambolo una pillola propagandistica. E questa parola temo come un’offesa immeritata: non si tratta di propaganda ma di un esame che vorrei fare con voi. Invece dobbiamo guardare ed esaminare insieme: che cosa? Noi stessi. Per abituarci a vedere in noi la parte di responsabilità che abbiamo dei nostri mali. Per riconoscere quanto da parte nostra si è fatto, per giungere ove siamo giunti. Ecco per esempio, quanti di noi sperano nella fine di questi casi tremendi, per iniziare una laboriosa e quieta vita? (…) Benissimo, è un sentimento generale, diffuso e soddisfacente. Ma, credo, lavorare non basterà; e nel desiderio invincibile di “quiete”, anche se laboriosa, è il segno dell’errore. Perché in questo bisogno di quiete è il tentativo di allontanarsi il più possibile da ogni manifestazione politica. È il tremendo, il più terribile risultato di un’opera di diseducazione ventennale, di diseducazione o di educazione negativa, che martellando per venti anni da ogni lato è riuscita ad inchiodare in molti di noi dei pregiudizi. Fondamentale quello della “sporcizia” della politica, che mi sembra sia stato ispirato per due vie. Tutti i giorni ci hanno detto che la politica è un lavoro di specialisti (…) Teoria e pratica concorsero a distoglierci e ad allontanarci da ogni attività politica. (…) Lasciate fare a chi può e deve; voi lavorate e credete, questo dicevano: e quello che facevano lo vediamo ora, che nella vita politica ci siamo stati scaraventati dagli eventi. (…) Credetemi, la cosa pubblica è noi stessi: ciò che ci lega ad essa non è un luogo comune, una parola grossa e vuota. (…) . E, se ragioniamo, il nostro interesse e quello della “cosa pubblica”, insomma, finiscono per coincidere.Appunto per questo dobbiamo curarla direttamente, personalmente, come il nostro lavoro più delicato e importante. Perché da questo dipendono tutti gli altri, le condizioni di tutti gli altri. Se non ci appassionassimo a questo, se noi non lo trattiamo a fondo, specialmente oggi, quella ripresa che speriamo, a cui tenacemente ci attacchiamo, sarà impossibile. Per questo dobbiamo prepararci.Al di là di ogni retorica, constatiamo come la cosa pubblica sia noi stessi, che ogni sua sciagura è sciagura nostra, per questo dobbiamo prepararci. Può anche bastare, sapete, che con calma cominciamo a guardare in noi, e ad esprimere desideri. Come vorremmo vivere domani? No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere. Ricordatevi siete uomini, avete il dovere se il vostro istinto non vi spinge ad esercitare il diritto, di badare ai vostri interessi. Avete mai pensato che nei prossimi mesi si deciderà il destino del nostro Paese, di noi stessi: quale peso decisivo avrà la nostra volontà se sapremo farla valere; che nostra sarà la responsabilità, se andremo incontro ad un pericolo negativo? (…) Oggi bisogna combattere contro l’oppressore. Questo è il primo dovere per noi tutti: ma è bene prepararsi a risolvere quei problemi in modo duraturo, e che eviti il risorgere di essi ed il ripetersi di tutto quanto si è abbattuto su di noi. Termino questa lunga lettera un po’ confusa, lo so, ma spontanea, scusandomi ed augurandoci buon lavoro.
Giacomo Ulivi

 

 

Comments 4

  1. Sara

    In questa giornata mi unisco a te con i ricordi, nel mio caso rivolti a mio nonno materno, un partigiano che ha inculcato certi valori in mia madre e che per fortuna mi sono stati trasmessi.

  2. Gata da Plar

    non conoscevo questa lettera e, nonostante sia stata scritta in tempi così tremendi e che questo giovane ragazzo abbia dato la sua vita in modo così atroce… mi fa paura rileggerla e sentirla, tuttavia, ancora così attuale per moltissimi argomenti di cui tutti i giorni si sente in tv… Sacrificio ci chiedono, dall’alto… ma quell’ALTO l’abbiamo creato noi, cristo!!!!
    :((((

  3. Post
    Author
    Patrizia

    @Sara: e ora dobbiamo trasmetterli ai nostri figli e poi ai figli dei nostri figli, perché non siano stati invano! Un abbraccio Sara!

    @ Gata da Plar: Ciao Gata! Davvero quando l’ho riletta, sembra scritta oggi, per la nostra società così indifferente e trascurata…davvero tutto questo è successo anche perché noi eravamo interessati ad altro, non volevamo essere disturbati dall’impegno e la fatica del controllo costante e puntuale… non dobbiamo mai smettere di indignarci!! Un abbraccio fortissimo!!

  4. Mic

    Bellissima testimonianza e, come è stato già detto, attualissima…ahimè, anche un anno dopo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *