6

Omelette gratinée

Quiche, gratin o omelette al forno?

 

Son sempre più pigra! Sarà la nebbia, che oggi ci ha accolti al risveglio, coprendo di umido velluto bigio la città e nascondendoci il mare, sarà il cielo, che da mesi ormai non si affaccia di tra le nuvole spesse, ma io son pigra. E ho poca voglia pure di cucinare. E’ soprattutto il riordinare che mi stanca: ripulire i fornelli, grattare le pentole, riporre padelle e pentolini; e stare per decine di minuti lì in piedi di fronte ai fornelli.
Così cuocio in forno: quasi tutto.
Sporco un unico tegame, preparo cibo sano e leggero, giacché ho bisogno di meno grassi per condire, lo sbrucciacchio meno, quindi è più sano. Inforno e vado a farmi i fatti miei: a ridipingere la panca ad angolo della cucina, a leggere un libro bellissimo, a terminare il golf ai ferri che la Fotografa aspetta da febbraio, a passeggiare con Tilly in questa bruma novembrina che ha fasciato la città.
Manca solo l’erica .. e Heathcliff, poi potremmo essere a Wuthering Heights.

Non un vero e proprio gratin, né una quiche, ma quasi un’omelette al forno. Ieri l’abbiamo mangiata con le patate, ma voi potete prepararla con qualsiasi altra verdura: erbette, carciofi, zucchine, o un misto di queste ed altre. L’importante è usare buone uova, panna fresca e un po’ di fantasia.

Omelette gratinée

4 uova
250 g panna fresca
4 patate
1 cipollotto
100g di parmigiano reggiano (ma anche gruyere o altro formaggio)
maggiorana
olio evo
sale, pepe

Pelate le patate e affettatele non troppo sottilmente.
Disponetele in una teglia, leggermente unta con olio evo,  in modo che formino strati abbastanza regolari.
Tritate il cipollotto, eliminando solo le foglie più  rovinate, ma utilizzando anche la parte verde.
Tritate la maggiorana. Grattugiate il parmigiano.
Battete le uova in una ciotola, con sale e pepe.
Unite alle uova il cipollotto, la maggiorana, il parmigiano.
Versate il tutto sulle patate nella teglia.
Infornate a 180° per circa 50 minuti.

 

nota:
Le patate utilizzate a crudo impiegano un tempo più lungo per cuocere in forno. Potete abbreviare i tempi utilizzando patate semi-lessate in precedenza.
Se scegliete altre verdure per la vostra preparazione, regolate i tempi di cottura in base all’ingrediente.

Comments 6

  1. arabafelice

    Hai ragione, la cottura al forno la adoro anche io per lo stesso motivo, che intanto posso fare altro!
    Il piatto è bellissimo…Heathcliff compreso 😀

  2. Paola

    Stesso stato d’animo…poca voglia di cucinare, voglia di libri da leggere e di sporcare poche pentole. Eppure io cerco sempre di ottimizzare ma non ci riesco 🙂
    Provero’ questa ricetta mi ispira e mi conforta!
    Un abbraccio a te e alla Fotografa che spero stia meglio

  3. Martissima

    pensavo fosse una ricetta francese ha un aspetto davvero meraviglioso proprio come il sole che qui oggi finalmente splende, ciao.

  4. Patrizia Post
    Author
    Patrizia

    @arabafelice: 😉
    @Paola: dici sarà la Primavera? son proprio un bradipo… la Fotografa ringrazia e manda un bacio!
    @Martissima: No, no. 😀 ricetta dell’ultimo minuto … e della voglia di far poco 😉

  5. Frederic Vega

    Pelate le patate e tagliatele a spicchi. Sistematele in una teglia con un filo d’olio e infornate a 180° per 20 minuti. Sfornate, aggiungete la salsiccia a pezzetti e rimettete in forno per altri venti minuti. Dopodiché aggiungete sale e pepe, mescolate e unite la scamorza tagliata pezzi. Rimettete la teglia nel forno spento ma ancora caldo fino a quando il formaggio non si sarà fuso.

  6. Patrizia Post
    Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *