2

Involtini di verza vegetariani

Involtini di verza vegetariani

 

Qui è scoppiata la primavera!
Le mimose sono esplose, con i loro gomitoli dorati, gli agrumi profumano di zagare e miele. Al sole, i gatti ronfano e le lucertole fanno capolino tra le crepe dei muri.
Ancora, però, la sera rinfresca. Refoli di vento e un brivido d’inverno che non vuole andare via.
Lunedì è sempre difficile riprendere il ritmo, ricominciare il tran tran settimanale: lavoro, spesa, casa, famiglia, incombenze… a volte mi piacerebbe scioperare un po’, sentirmi monella e inaffidabile, dimenticare bollette e visite veterinarie, colloqui scolastici e code al supermercato, discussioni con l’imbianchino e serate in assemblea condominiale. Vi è mai capitato di aver voglia di salire sul primo treno che passa? O di guardare con nostalgia la nave che si stacca lentamente dalla banchina e scivola leggera sull’acqua, rivolgendo la prua all’orizzonte?
Un brivido, un lampo di tentazione, poi sorrido e riprendo a caricare il carrello di zucchero, farina e carciofi, lo spingo alle casse e carico le buste in auto.

Un piatto a metà tra inverno e primavera, questo, che è già stato pubblicato su Scuola di cucina, con cui collaboro ormai da qualche mese. Profumato e nutriente, semplice e stuzzicante. Può essere antipasto o servire da piatto unico.
Buona settimana a tutti!

Involtini di verza vegetariani

 

Una piccola verza
200 g di riso
Menta tritata, un rametto
1 cipolla
Vino bianco, ½ bicchiere
mandorle, una manciata
uvetta, una manciata
Brodo vegetale, un bicchiere abbondante
zafferano, una bustina
Olio evo
Sale pepe

Sfogliamo la verza delicatamente, recuperando le foglie più belle e intere, scartando quelle esterne, dure e fibrose e tenendo da parte il cuore.
Immergiamo le foglie, poche per volta, in acqua bollente per pochi minuti,  poi passiamole in una ciotola con acqua gelata e stendiamole su un canovaccio ben pulito ad asciugare.
Lessiamo il riso e scoliamolo al dente.
Tritiamo finemente il cuore della verza, tritiamo la cipolla
Facciamo scaldare in una larga padella, due cucchiai d’olio evo e facciamo rosolare la cipolla tritata; uniamo la verza tritata e lasciamo stufare per circa 10 minuti.
Riuniamo in una ciotola il riso, l’uvetta ammollata, metà delle mandorle tritate, le foglioline di menta tritata, sale e pepe. Aggiungiamo la verza stufata e mescoliamo bene.
Formiamo delle polpettine e disponiamone una su ogni foglia di verza sbollentata e asciugata, dopo averla privata della costola dura.
Chiudiamo la foglia a pacchetto e fermiamo con spago da cucina .
Disponiamo gli involtini in una casseruola larga, dove avremo scaldato un filo d’olio evo. Facciamoli rosolare dolcemente pochi minuti, girandoli con delicatezza di tanto in tanto, in modo che si sigillino bene.
Sfumiamo con mezzo bicchiere di vino bianco.
Uniamo lo zafferano e bagniamo con il brodo, in modo che si sciolga bene.
Mescoliamo delicatamente e lasciamo cuocere, coperto, per circa 15 minuti.
Suddividiamo gli involtini nei piatti individuali e decoriamo con lamelle di mandorle, tostate leggermente in padella senza grassi.

 

.

Comments 2

  1. chiara

    Ciao Pat…..non hai idea di quanti treni avrei preso negli ultimi mesi :(….ma son ancora qui!!!!! e dopo tanto si ricomincia a cucinare: stasera involini di verzaaaaaaa
    Un abbraccio forte

  2. Patrizia Post
    Author
    Patrizia

    @Chiara: Un abbraccio grande a te, Chiara, che hai forza per ricominciare e sorrisi ed entusiasmo ritrovato! Brava!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *