La Melagranata

Contest e Raccolte

Benvenuti in Europa!


English version below
Versión española por debajo

Ho anche io il il piacere di annunciare alla blogsfera un nuovo entusiasmante viaggio culinario che inizierà  il 7 Gennaio 2013 !


L’ABBECEDARIO CULINARIO

DELLA COMUNITA’ EUROPEA

Come direbbe De Gregori “alla fine di un viaggio c’è sempre un viaggio da ricominciare” e così dopo aver percorso la nostra Italia in lungo e in largo, da AostaZocca, passando per Domodossola,  scendendo a Napoli e poi ancora più giù sino a Siracusa per poi risalire a Trieste, non siamo per niente stanchi e abbiamo ancora voglia di preparare la nostra valigia virtuale e di prendere in mano il nostro mestolo reale!
Avete capito bene, quest’anno l’abbecedario ci porterà in Europa, l’Europa della Comunità Europea, quella composta da 27 stati, ovvero 26 + 1, ovvero uno stato per lettera più la nostra Italia, ampiamente rappresentata dall’Abbecedario Culinario d’Italia appena conclusosi. E se ancora non ci credete, ecco la mappa! [Leggi tutto]

Scritto da Patrizia il 20 dicembre 2012 alle 08:12 / 0 Commenti / Link permanente

3 ricette, ma forse 2: Cus cus in due maniere e spaghetti dolci ai pavesini

 

Un sole allegro e un cielo pulito riescono a mettere il buonumore!
Anche queste ricette profumate e gustose, che Claudia ci ha mandato via mail per partecipare al nostro contest Oggi pranzo fuori, ci piacciono molto!

Lascio parlare Claudia che scrive:

Le ricette sono 2/3, la prima ricetta che voglio proporre è diversificabile a seconda dei gusti e pertanto io provo a proporre 2 possibili alternative, la terza sarà un dolce.
Premetto che l’ho pensata come un piatto veloce e pratico da portare sia per una bella gita fuori porta e sia per rallegrare la triste pausa pranzo dell’ufficio.


La base è uguale per entrambe le versioni quindi per fare il

CousCous al curry

servono:
2 bicchieri d’acqua
2 bicchieri di couscous precotto( ormai si trova in tutti i negozi)
burro
curry in polvere
sale

Procedimento:
Ho messo a bollire l’acqua con un pizzico di sale e quando ha preso bollore ho spento e aggiunto una bella manciata di curry e subito dopo il couscous un po’ di burro e ho fatto riposare mettendo un coperchio.
Dopo 5 minuti ho sgranato il couscous che intanto ha preso un bel colore giallo vivace, ed  è diventato la base delle  2 ricette.

Couscous fresco al pomodoro e tacchino:

INGREDIENTI:
-Couscous al curry
-Petto tacchino
-Guanciale a fette
-Uvetta
-Mandorle
-Pomodoro fresco
-Basilico fresco
-olio extra vergine d’oliva

PROCEDIMENTO:
Tagliare delle fettine sottili di guanciale e farlo soffriggere con un goccio d’olio e mettere subito il petto di tacchino tagliato a striscioline e farlo rosolare e coprire con un coperchio in modo tale da farlo cuocere con il suo vapore, qualora servisse aggiungete un po’ d’acqua calda, aggiustate di sale.
Una volta che la carne sarà cotta aggiungete una bella manciata di uvetta ammorbidita in un po’ d’acqua e delle mandorle spezzettate grossolanamente.
Intanto preparate un finto pesto con del basilico fresco olio extravergine d’oliva e un cubetto di ghiaccio in modo tale che rimanga vivo il colore del basilico.
Per finire  tagliate i pomodori freschi a dadolini ( fatelo prima in modo che perdano l’acqua di vegetazione),e qualche foglia di basilico.
Unite il tacchino, i pomodori e il basilico con un po’ di pesto al couscous e il piatto è pronto.
Come anticipato la seconda ricetta è molto simile alla prima, infatti il tacchino ha la stessa cottura tranne per una variante finale, infatti ho messo una parte della carne cotta in un piatto (per fare la 1° ricetta)e l’altra parte un po’ modificata è diventata il condimento per il secondo piatto.

Couscous al curry con guanciale croccante

 

INGREDIENTI:
-Couscous al curry
-Petto tacchino
-Guanciale a fette
-Uvetta
-Mandorle
-Menta (io avevo quella essiccata)
-2 Cucchiai di yogurt intero
-1 bicchierino di latte
-olio extra vergine d’oliva
PROCEDIMENTO:
Tagliare delle fettine sottili di guanciale e farlo soffriggere con un goccio d’olio e mettere subito il petto di tacchino tagliato a striscioline e farlo rosolare e coprire con un coperchio in modo tale da farlo cuocere con il suo vapore, qualora servisse aggiungete un po’ d’acqua calda, aggiustate di sale.
Una volta che la carne sarà cotta aggiungete una bella manciata di uvetta ammorbidita in un po’ d’acqua e delle mandorle spezzettate grossolanamente.
Per finire  fate una cremina mettendo lo yogurt intero e il bicchierino di latte a fiamma bassisima, appena si rapprende spegnere e aggiungere una bella manciata di menta.
A parte fate soffriggere solo qualche fettina di guanciale tagliato molto finemente in modo tale da creare una granella da mettere sul piatto.
Unite il condimento al cous cous e il piatto è pronto.

La terza ricetta è un dolce al cucchiaio o meglio al pavesino, e diciamo che potrebbe essere un idea simpatica per un dolce al bicchiere, io ad esempio ho utilizzato una coppa per macedonia ma insomma l’importante è il contenuto!!

Spaghetti dolci con arancia e cucchiaio di pavesini

 

INGREDIENTI:
-100g mascarpone
-100g philadelphia
-1 rosso d’uovo
-1 cucchiaio di zucchero
-40g cioccolato fondente fuso
-scorza d’arancia
-cannella in polvere
-biscotti pavesini

PROCEDIMENTO:
Il procedimento è molto semplice si lavora il mascarpone con lo zucchero, il rosso d’uovo, il Philadelphia, fino ad ottenere una crema fluida a cui aggiungeremo il resto degli ingredienti ovvero il cioccolato fuso e la scorza d’arancia(personalmente ma questo dipende anche dai gusti ho messo anche un pizzico di cannella in polvere). Si fa riposare la crema ottenuta che metteremo in una sac a poche con la bocchetta da decoro( quella per fare le scritte) ma nel nostro caso faremo degli spaghetti cioccolatosi, infine si procede con l’impiattamento mettendo una spolverata di cannella sopra alla coppetta finita e qualche decoro qua e là e i pavesi  tutti intorno come cucchiaini per gustare il dolce.

Buon appetito.

Scritto da Patrizia il 05 giugno 2012 alle 11:00 / 1 Commento / Link permanente

Oggi pranzo fuori!

Sarà per il sole tiepido e il cielo limpido, saranno violette e primule che occhieggiano dai chioschi dei fiorai, sarà la fotografa che pranza con gli amici ai giardini davanti a scuola,  o forse la Primavera che ci spinge ad essere o almeno a sentirci più bucolici…insomma, fatto sta che mi è venuta voglia di un contest.
Che c’entra un contest con tutto l’ambaradan qui sopra? C’entra eccome, perché l’argomento è proprio quello: il pranzo fuori casa! Che sia al lavoro o a scuola, su un prato o in riva al mare… che mettete nel vostro cestino?

Categoria: Pranzo fuori.
Vi chiedo di pensare non a una ricetta, ma a un pranzo.  Siete quindi invitati a presentare almeno due preparazioni (max tre): ad esempio un’insalata d’orzo e verdure e un piccolo dolce, oppure una miniquiche e un’insalata e una bevanda speciale, ecc…
I giudici saranno molto attenti a considerare l’equilibrio di sapori, la qualità degli accostamenti, la gradevolezza anche visiva delle preparazioni.
C’è poi una seconda categoria: Ricetta della tradizione rivisitata
Vogliamo una  ricetta della tradizione resa più attuale, più fresca : ad esempio, che so, una torta Pasqualina interpretata in chiave moderna, un polpettone attualizzato, un casatiello dall’aria nuova, ecc
Avrete quindi  doppia possibilità di vincere!

I giudici, inflessibili ed esperti, saranno Stefania, elegantissima e divertente Signora tra le dune, con la cucina sempre aperta per fare due chiacchiere, una risata e offrirci uno dei suoi raffinatissimi piatti; Sarah, il suo blog mi piace da matti: curato e bellissimo, sempre garbato, piacevole e ricco di foto eleganti: non c’è una sua ricetta che non vorrei aver fatto io;  e Gianni, ospite gentilissimo, raffinato gourmet, curioso sperimentatore, ama le spezie, s’intende di buon vino e di buoni ristoranti: a tutti e tre il mio più affettuoso e sincero ringraziamento e l’augurio di buon lavoro!

Per la categoria Tradizione rivisitata giudice unico sarà Maria, la nostra adorabile amica senese, a cui mando un abbraccio speciale.
Che farò io? Assolutamente niente! [Leggi tutto]

Scritto da Patrizia il 29 marzo 2012 alle 07:00 / 91 Commenti / Link permanente

Che ci metto nel lunch box?

 

Tempo di Primavera. La fotografa è stufa di pranzare alla mensa del Liceo: nell’intervallo di pranzo, con gli amici, si fa un pic nic sull’erba dei giardini.
Così, due volte a settimana mi parte lo sgomento: che ci metto nel cestino del pranzo? Chiamatelo Bento (che fa tanto food blogger che-da-quando-che-sono-stata-in-Giappone) o lunch box (che fa tanto food blogger che io-a- NewYork-son-di-casa) o pranzo al sacco (che fa tanto anni 70… ho un’età e si sente, oltre che si vede!) insomma, chiamatelo un po’ come volete, ma… che ci mettete voi? E un giorno l’insalata di riso…un altro la torta salata…e poi? Cosa portiamo in ufficio, a scuola, insomma al lavoro?
Quasi quasi ci faccio un contest…che ne dite? Si, lo so, in giro per i vari blog, ben più noti e visitati del mio, ce ne sono in quantità impressionante… giochi, giochini, raccolte, gare culinarie… a me, veramente, interesserebbe raccogliere tutte le vostre ricette e farne un bel pdf da poter poi utilizzare per organizzare picnic o preparare pranzi take away.
Cosa ne pensate, lo facciamo?
Ora cerco due giudici imparziali e simpatici, trovo tre premi come si deve e ci mettiamo al lavoro, ok?
Intanto eccovi  una pietanza da cestino, semplice e buona, primaverile e gustosa. Si prepara in un battibaleno, se, come me, avete sempre un po’ di sfoglia o brisé pronta in congelatore (o se utilizzate la sfoglia pronta, ma non lo diciamo a nessuno! ;) )
Dentro, qualche zucchina e pisellini (sono primizie, è vero, si! mea culpa. Sono le prime che compro quest’anno, da un contadino che ha una piccola serra familiare sopra Noli, almeno sono a Km 0!).
Allora, voi cominciate a pensare a che ricetta postare, io faccio il resto!
N.B. Visto che pare vi sia piaciuta l’idea, mi prendo qualche giorno per stendere il REGOLAMENTO: perciò non inviate ancora nulla!
Prestissimo  pubblicherò le regole: data di inizio, scadenza, eccetera…. restate sintonizzati!! :D

 

Torta salata di zucchine e pisellini.

 

 

Ingredienti per 4 tortini monoporzione

250g di pasta sfoglia (io uso la ricetta di E. Knam, ma va bene anche una sfoglia pronta)
3 zucchine piccole, con il fiore
200g di pisellini sgranati
2 uova
una tazza di bechamelle
foglioline di maggiorana
olio evo
aglio, uno spicchio
cipollotto, 1
uovo o latte per spennellare

In una pentola con abbondante acqua salata sbollentare i pisellini per un paio di minuti.
Pulite le zucchine e tagliatele a piccoli dadi. Mettete sul fuoco una grande padella con l’olio, lo spicchio d’aglio intero e il cipollotto tritato. Appena il tutto sarà rosolato dolcememente, unite gli zucchini e fate saltare due minuti, aggiungete i pisellini sbollentati, fate saltare ancora 5 minuti e levare dal fuoco, unire le foglioline di maggiorana e salare.
In una ciotola, battere le uova, il parmigiano e un pizzico di sale, unire la bechamelle e amalgamarla bene, poi aggiungere le verdure intiepidite.
Srotolate la pasta sfoglia pronta, o stendete la vostra a non più di  1/2 cm di spessore. Ritagliatene 4 forme,  con un coppapasta leggermente più grande dei vostri stampi per torta salata monoporzione (circa 10 cm), ed altre 4 della stessa misura degli stampi(formeranno i coperchi delle tortine). Rifasciate gli stampini con le 4 forme più grandi e bucherellate il fondo.
Riempire gli stampini con il composto, chiudere con i cerchietti di sfoglia più piccoli e rimboccare i bordi, formando un cordoncino tutto intorno, pizzicandolo per sigillare bene. Spennellare la superficie con uovo battuto o con latte per dorare.
Infornare a 180° per circa 20-25 minuti.

 


L’ho accompagnato con un’insalata fresca, composta da lattughino, pinoli tostati, e spicchi d’arancia, condita con olio e limone. Ne volete una fettina?

 

 

 

Scritto da Patrizia il 22 marzo 2012 alle 11:32 / 5 Commenti / Link permanente